Quando in un bosco ne percepisci la bellezza e diventi tutt'uno con il bosco, allora, intuitivamente, sei in armonia e in pace con le Dee e con gli Dei. Essi sono parte della nostra vera natura, la nostra Natura Profonda, e quando siamo separati dalla nostra vera natura, viviamo nella paura. Percepire questa normalità vuol dire dare un senso reale al vivere che è insito in tutte le cose.

Intraprendere la Via Romana al Divino significa iniziare un percorso di risveglio: praticando l'attenzione e la consapevolezza continua ci incamminiamo lungo una strada sapendo che ciò che conta è il cammino per sè più che la destinazione.

When you, entering a forest, perceive the beauty of the forest and you feel to be in a complete harmony with it, then, intuitively, you are in peace with the Deities. They are an essential part of our real nature, our Deep Nature, and when we are separated by our real nature we live in the fear. Perceiving such normality means giving a real sense to our lives.

Undertaking the Roman Via to the Deities implies a path to awakening: with the practice of continuing consciousness and awareness we undertake our walking knowing that taking the path is more important than the destination itself
.

martedì 21 luglio 2015

About Divination

Divination is a practice that has played a focal and relevant role in the Roman culture, society and spirituality. It is important not to forget that Rome, both as a city and as a sacred entity, was founded according to precise divination rites and practices.

Divination is now considered something charlatan: the desecration of this discipline has led this practice to a merely profane sphere: in its modern and profane form is actually charlatan. 
 
The Ancient Divination actually consisted of a complex discipline and Science that accompanied the Roman civilization, in all its aspects.

I think it may be helpful to understand, even if just briefly, the sense of the Ancient Divination as practical and precise discipline. This may also help to understand his role of support for many rituals and many activities that characterize the Traditional Roman spirituality also in the present.

The first thing to have in mind is that the Divination is connected directly to the idea of Sacred Time. The object of the Divination therefore is not to guess the future of a person. The purpose of divination, according to the traditional perspective, is to understand whether a specific action can be accomplished at a particular time (and with what result), considered a time suitable for the conduction of that action.

Hence the importance of Divination as oracular power in its public dimension, but also in the private, firstly because it was a critical  component in the decision-making process related to Sacred Time defined as time frame "full" of the Divine Energy.

 Divinatio derives from the word Divinare: it does not mean simply "predict", but "finding out what is pertaining to a God or a Goddess "

Gods and Goddesses are in fact inside the reality, inside the nature: they are not elsewhere, in a place separate from the world. Among the Divine World and Nature there is a link. All Nature, of which mankind is an integral part, is permeated by this spirituality. For this reason, everything that happens in the macro (Universe, Nature, World) and micro (men and women, society) dimension communicate using a single universal language of signs and symbols through which the Divine dimension is in relation to the World. Any phenomenon is not just a manifestation of mere physical events: any phnomenon is also a spiritual mode of being of the Nature, the expression of acting of the Divine in the Nature (for example in the contraction and expansion phases, expiration and inspiration).
For this reason a real augur, having this knwoledge and being an intermediary between these dimensions of the Being, has the ability to properly disclose these presences also to reconcile humanity with the divine forces to achieve Pax Deorum/Dearum.
The augur therefore must know the rhythms of life, the divine characteristics of nature, in order to correctly divining on the basis of this peculiar form of (pre-scientific) knowledge both in the reality and in the oneiric sphere (drams considered as  "ritual spaces ").
Divination is expressed in various dimensions: in the field of decisions, in the identification of concordia ordinum, in the creation of carmina, in astrology, in the sacred geometry, etc ...

Divination and Science of Decisions
Divination (in its application to the "Science of Decisions") consists of two main elements. One apparently linked to random events (eg drawing of lots). The other is the inability of the individual will  to affect the response. Adding the two elements follows that the decision to be taken is completely included to the Divine dimension - in its most symbolic and deep meaning - evidencing the imponderable feature of the  practice of divination.

In the knowledge system implied by Divination no events are isolated and disconnected to the Sacred Time: in addition the macro and micro dimensions are closely linked. One single divination sign can describe complex events or processes within interconnected harmonic systems. The response offered by Divination is  not based on a principle of cause/effect, but of analogy. The symbols representing the Present may describe some "potentials"  linked to well defined time moments. 
 
Divination tool becomes the representation of the Universe, in his sacred space and time, whose dynamics can be predicted in the practice of divination. Understanding the fate means having the ability to perceive in depth an "in progress event", that already exists with its potential consequences.

An expert in divination, an augur or haruspex,  is not a magician, he/she does not predict the future: he/she has the ability to correctly read and perceive the reality, the Nature. He/she has the ability to observe and recognize the signs, to perceive the connections, to understand what forces are in action at any given time and in a given place. He/she understands the interconnections of the flowing of the Being. Every decision, every action should be done carefully, with awareness, in a state of wakefulness according to the harmony of the forces involved. If you act in harmony, your action will be successful:  if lacking this harmony you will fail. Knowing the mechanisms of the interaction of these forces, it is possible to comply with these divine energies and live in harmony in the Pax Deorum/Dearum. Much of our unhappiness and our diseases in body and spirit, are due to the fact that we do not live  in a state of consciousness and waking, and for this inability to follow the flow of life.

ANCIENT DIVINATORY TECHNIQUES

  • aeromancy: divination by throwing  granular matter in the air
  • alectruomancy: divination by observing the feeding behavior of roosters
  • aleuromancy: divination by flour
  • ars haruspicina: Etruscan divination through observation of lightning, of anomalous phenomena and the entrails of animals
  • bibliomancy. divination technique with random opening of a book
  • cataptromancy: divination through the mirror
  • Palmistry: divination by observation of the lines of the hand
  • cristallomancy: divination by observation of a crystal
  • hepatoscopy: divination by observation of the liver
  • gastromancy: divination through the use of a vase
  • geomancy: divination through the launch of the ground
  • iatromancy: divination used to heal
  • hydromancy: divination by observing water
  • lecanomancy: divination through observation of a liquid in a basin
  • libanomancy: divination by observing the smoke of incense
  • omoplatoscopy: divination by observation of a shoulder blade of a sheep
  • oomancy: divination by observation of a broken egg on fire
  • ornitomancy: divination by observation of bird flight
  • pyromancy: divination by fire
  • Dowsing: divination with a wand
  • retroscience. divination of the past
  • sortes: divination technique with throw of the dice, drawing of lots or boards with letters
  • sortilegus: the one who extracts the sortes

Sulla Divinazione

La Divinazione è una pratica che ha svolto un ruolo focale ed importantissimo nella cultura, nella società e nella spiritualità Romana. Non bisogna dimenticare infatti che Roma stessa, sia come città che come entità sacra, è stata fondata secondo riti connessi comunque a pratiche divinatorie ben precise.

La Divinazione è oggi considerata un qualcosa di cialtronesco: la profanazione di questa disciplina in effetti ha condotto questa pratica alla mera dimensione profana rendendola, per questo ed in questa forma, effettivamente una cosa da cialtroni. La Divinazione Antica in realtà consisteva in una cosa molto seria, una disciplina complessa, uno strumento di conoscenza, tale da accompagnare la civiltà Romana, in tutti i suoi aspetti, per più di mille anni.

Penso che possa essere pertanto utile comprendere, sia pure in modo sintetico, il senso della Divinazione Antica in quanto pratica e disciplina ben precisa. Ciò può anche servire a capire il suo ruolo di sostegno a molti riti e molte attività che connotano la Spiritualità Tradizionale Romana anche nel presente.

La prima cosa da avere bene in mente è che la Divinazione si connette direttamente all'idea di Tempo Sacro. Scopo della Divinazione pertanto non è quello di indovinare l'avvenire di una persona. Lo scopo della Divinazione, secondo la prospettiva tradizionale, è quello di comprendere se una specifica azione può essere compiuta in un determinato momento (e con quali risultati), in quanto momento idoneo allo svolgimento di quell'azione.

Da qui deriva l'importanza della Divinazione come potere oracolare nella sua dimensione pubblica, ma anche in quella privata, poichè rientrava nei processi decisionali connessi al Tempo Sacro come struttura temporale ben identificata "piena" di Divino.

La parola Divinatio deriva dal verbo Divinare che non significa semplicemente "predire", ma "scoprire ciò che è pertintente ad un Dio o una Dea"

Gli Dei e le Dee infatti sono dentro la Realtà, dentro la Natura: non sono altrove, in una sede separata dal Mondo. Fra il Mondo Divino e la Natura esiste una corrispondenza. Tutta la Natura, di cui l'umanità fa parte integrante, è permeata da questa spiritualità. Per questo motivo, tutto ciò che accade nella dimensione macro (Universo, Natura, Mondo) e micro (uomini e donne, società) parla per mezzo di un unico linguaggio "universale" fatto di segni e simboli attraverso il quale la Dimensione Divina si relaziona con il Mondo. Qualsiasi fenomeno non è solo una manifestazione di meri accadimenti fisici, ma esprime anche modalità spirituali dell'essere della Natura, dell'agire della dimensione Divina nella Natura (ad esempio nelle fasi di contrazione ed espansione, espirazione ed ispirazione).

Per questo motivo un vero augure, poichè e conoscitore ed intermediario fra queste dimensioni dell'essere, ha la capacità di svelare correttamente queste presenze anche al fine di conciliare il genere umano con le forze divine per conseguire la Pax Deorum/Dearum.

L'augure quindi deve conoscere i ritmi vitali, le caratteristiche divine della Natura, per poter correttamente divinare sulla base di questa peculiare forma di conoscenza (direi pre-scientifica) sia nella dimensione reale che in quella dei sogni (considerati come veri e propri "spazi rituali").

La Divinazione si declina in varie forme: nel campo delle decisioni, nella identificazione della concordia ordinum, nella creazione dei carmina, nella astrologia, nella geometria sacra, ecc...


Divinazione e Scienza delle Decisioni
La Divinazione (nella sua applicazione alla "Scienza delle Decisioni") si compone di due elementi principali. Uno legato apparentemente al caso (ad esempio tirare le sorti). L'altro è l'impossibilità della volontà del singolo di incidere sul responso. Sommando i due elementi deriva che la decisione da prendere viene affidata alla dimensione del divino - nel suo senso più simbolico e profondo - che si manifesta nell'imponderabilità della pratica divinatoria. 

Nel sistema conoscitivo implicato dalla Divinazione non esistono eventi isolati svincolati dal Tempo Sacro: inoltre le due dimensioni, macro e micro, appaiono strettamente collegate. Un solo segno divinatorio può descrivere eventi o processi molto complessi all'interno di sistemi armonici collegati. Il responso offerto dalla Divinazione non si basa quindi su un principio di causa/effetto, ma di analogia. I simboli che rappresentano il presente possono descrivere delle potenzialità connesse a ben precisi momenti temporali. Lo strumento divinatorio diventa quindi la rappresentazione dell'Universo, nel suo Spazio e nel suo Tempo Sacri, le cui logiche vengono intuite nella pratica divinatoria. Capire il destino significa avere la capacità di percepire in profondità un evento in corso, che già esiste. 

Un esperto di Divinazione, un augure o haruspex, non è un mago, non prevede il futuro: ha la capacità di leggere la realtà, la Natura, superando il velo delle apparenze. Ha la capacità di osservare e riconoscere i segni, di percepire le coincidenze, di comprendere quali forze sono in azione in un dato momento ed in un dato luogo e ne comprende l'intreccio dei loro flussi. Ogni decisione, ogni intervento dovrebbe essere fatto con attenzione, con consapevolezza, in uno stato di veglia secondo l'armonia delle forze coinvolte. Se si agisce in armonia l'azione avrà successo: se manca questa armonia si va incontro al fallimento. Conoscendo i meccanismi di interazione di queste forze divine è possibile assecondare queste energie e vivere in armonia nella Pax Deorum/Dearum. Gran parte della nostra infelicità e delle nostre malattie nel fisico e nello spirito, sono dovute al fatto che non viviamo mai in uno stato di consapevolezza e di veglia e a questa incapacità di assecondare il flusso della vita.


TECNICHE DIVINATORIE ANTICHE

  • aeromanzia: divinazione tramite lancio in aria di materia granulare
  • alectruomanzia: divinazione tramite l'osservazione del comportamento alimentare dei galli
  • aleuromanzia: divinazione tramite la farina
  • ars haruspicina: divinazione etrusca tramite osservazione dei fulmini, dei fenomeni anomali e delle viscere degli animali
  • bibliomanzia. tecnica divinatoria con apertura casuale di un libro
  • cataptromanzia: divinazione tramite lo specchio
  • chiromanzia: divinazione tramite l'osservazione delle linee della mano
  • cristallomanzia: divinazione tramite l'osservazione di un cristallo
  • epatoscopia: divinazione tramite l'osservazione del fegato
  • gastromanzia: divinazione tramite l'uso di un vaso
  • geomanzia: divinazione tramite il lancio di terra
  • iatromanzia: divinazione usata per guarire
  • idromanzia: divinazione tramite l'osservazione dell'acqua
  • lecanomanzia: divinazione tramite osservazione di un liquido contentuto in un catino
  • libanomanzia: divinazione tramite osservazione del fumo di incenso
  • omoplatoscopia: divinazione tramite l'osservazione di una scapola di una pecora
  • oomanzia: divinazione tramite l'osservazione di un uovo rotto sul fuoco
  • ornitomanzia: divinazione tramite l'osservazione del volo degli uccelli
  • piromanzia: divinazione con il fuoco
  • rabdomanzia: divinazione con una bacchetta
  • retroscienza. divinazione del passato
  • sortes: tecnica divinatoria con lancio di dadi o tavolette con lettere
  • sortilegus: colui che estrae le sortes

lunedì 6 luglio 2015

Luglio - Apollo

L'antico nome di questo mese è Quintilis poichè era il quinto mese dell'antico calendario di Numa che iniziava a Marzo. In seguito venne chiamato Julius in onore di Giulio Cesare.

Il mese è dedicato ad Apollo (polarità maschile): si tratta quindi di un periodo dedicato alla trascendenza, alla saggezza, alla medicina, alla musica e alla poesia.

Apollo viene associato al Sole: viene anche definito come "colui che esiste senza dipendere dagli eventi del Mondo", "colui che sta in disparte", "l'astratto" o "il sempre lontano".

Gli animali sacri ad Apollo sono: il cigno, il lupo, il cervo e soprattutto il delfino.
Le piante e gli alberi sacri ad Apollo sono: il cipresso, il giacinto e l'alloro.

Ad Apollo (e a Diana sua polarità femminile) erano dedicati i Ludi Saeculares che si tenevano a Roma ogni cento anni.

------------

Poichè il calendario sacro agisce come una sorta di bussola per orientarci fra le forze e le energie divine, possiamo dire che questo periodo dell'anno è fortemente permeato dall'energia di Apollo, una Divinità estremamente complessa. Pertanto ritengo possa essere utile approfondirne, sia pur brevemente, le caratteristiche per comprenderne il significato ed il ruolo. Ovviamente quello che segue deve essere inteso in senso non-profano.

Notare la simbologia estremamente complessa che accompagna questa reaffigurazione di Apollo di epoca Etrusca

 Apollo è "associato" al Sole (Helios), da intendersi non come ente astronomico, come emanazione di questa Grande Divinità. 

"Apollo dimora con Helios e ne condivide la semplicità dei pensieri, l'immutabilità della sostanza e l'uniformità dell'attività" (Giuliano Imperatore, A Helios Re, 22)

Apollo è in particolare il pulsare dei raggi del Sole. Esso è "Luce": viene definito "lucente", "splendente", "chiaro", "brillante" ed è simboleggiato dalla lira per rappresentare l'armonia celeste. Esso reca le frecce che simboleggiano appunto la forza dei Raggi del Sole che hanno un potere creativo o distruttivo.

Lo stesso nome di Apollo viene definito come "ben accordato ed armonizzato", da qui l'associazione con la musica. Ma la musica di cui si parla non è quella profana, ma quella "universale" e "cosmica" risultante dall'armonia dell'Universo stesso. Apollo infatti porta l'ordine e la misura nell'Universo eliminando ogni dissonanza. Egli quindi si pone al centro come un "direttore d'orchestra" coordinando la musica del cosmo ed agendo come un equilibratore. Secondo l'ordine dei Caldei Apollo si trova infatti nel punto di equilibrio delle nove sfere: le nove sfere "danzano in armonia intorno al Sole". L'harmonia mundi risulta quindi dall'insieme del suono e canto di tutte le sfere (universitas sonorum) all'interno di tutta la struttura cosmica dell'Universo.

Apollo è circondato dalle Nove Muse "che cantano per Lui", dai sette pianeti e dalla "sfera fissa". Le Muse sono l'espressione divina dell'attività del pensiero: esse sono "il canto dell'Universo". Apollo e le Muse sono quindi quelle forze che "dirigono" l'Universo (Apollo Musagete - che dirige le Muse). Apollo è l'elemento unificante delle Muse, Signore dell'Armonia Totale, forza che lega elementi differenti che sono alla base di questa Armonia Cosmica.

Il suo potere principale è quello "grazie al quale fa apparire l'intera sostanza intellettuale come un tutto unico, perchè congiunge i suoi estremi in un'unica ed identica realtà" (Giuliano Imperatore, A Helios Re, 22).

I suoi raggi hanno un andamento "danzante" e con i suoi raggi le Vestali accendevano e custodivano il Fuoco Sacro di Vesta.

Come già detto, la sua pianta simbolica è l'alloro perchè considerata "pianta piena di fuoco" capace di allontanare i daemoni negativi. Inoltre la tradizione indica che l'alloro è una "pianta loquace quando brucia" e ciò viene associato al potere profetico connesso ad Apollo. La Pizia a Delfi ne impugnava un ramo, ne masticava le foglie e ne inalava i fumi dalle foglie bruciate. L'alloro che crepita manifesta il potere oracolare di Apollo che può dare oracoli dove cresce questa pianta. 

L'alloro è inoltre una pianta importantissima nelle pratiche teurgiche, purificatrici e curative.

Apollo ha inoltre il potere di allontanare i mali dagli uomini e dalle donne: Asclepio è il suo simbolo come forza della medicina. In questo caso esso presenta un bastone come sostegno ai malati intorno al quale si avvinghia un serpente come simbolo della salvezza del corpo e dell'anima. Essendo legato ai raggi del Sole, Apollo libera dalle malattie, purifica il corpo e restituisce armonia al corpo. La malattia infatti è sintomo di disordine, disgregazione, disarmonia. Il calore dei raggi del Sole riporta invece l'equilibrio. Apollo quindi è forza curativa e salvifica non solo del corpo ma anche dell'Anima poichè veicola i Raggi del Sole Interiore. Poichè ciascuno di noi contiene in sè quella materia che deriva dall'energia del Sole, del Cosmo e delle altre stelle, nella parte razionale di una persona risplende un raggio per opera del Sole-Apollo. La comprensione del "messaggio di Apollo" implica di avere parte della Conoscenza e di divenire Uomini e Donne Solari ovvero Perfetti. Gli altri sono uomini e donne puramente e solamente razionali, ma che tuttavia "ignorano".

Quelle che ho qui riportato sono considerazioni "minime", superficiali  e brevi. Tuttavia, sulla base di ciò, possiamo ancora definire tutto questo pertinenza di una religione nell'accezione "moderna" e devozionale del termine? Non ci troviamo forse di fronte a qualcosa di più complesso, di più profondo?

July - Apollo

The original name of this month was Quintilis because it was the fifth month in the ancient calendar of King Numa. Then it was named Julius in honour of Julius Caesar.

This month is dedicated to Apollo (male polarity): this is a period dedicated to transcendence, wisdom, medicine, music and poetry. Apollo is associated to the Sun and to "what exists without depending on the world's events" being also defined as "who stands aside", "the Abstract" or "Always Distant".

Sacred animals to Apollo are: swan, wolf, deer and, above all, dolphin.
Sacred plants and trees are: cypress, hyacinth and laurel.

Ludi Saeculares were dedicated to Apollo (and to Diana - his female polarity): these games were held in Rome every 100 years.
---------
It is always important to remind that the ancient sacred calendar provide us with a sort of compass to direct us along the Sacred Time and its forces and energies. We may say that this period of the year is highly permeated by the energy of Apollo, an extremely complex God. For this reason I think it could be useful, for a Cultrix and a Cultor, to share some basic concepts and principles necessary to identify his characteristics and to understand his role and meaning. Of course the terms and concepts expressed below have to be intented in a non-profane perspective.  


Note the highly complex simbology accompanying this representation of Apollo of Etruscan Age

Apollo is associated to the Sun (Helios), to be intented as Divine entity rather than an astronomical object, thus being an emanation of this Great Divine Force.
 
"Apollo dwells with Helios, sharing the same semplicity of thoughts, immutable in substance and unvarying his activity". (Emperor Julian, Hymn to King Helios, 22)

Apollo in particular is the pulsating of the Sun Rays. He is "Pure Light" being defined as "shining", "brillant", "clear". His main symbol is the Lyre to represent the Celestial Harmony. He holds also the arrows symbolizing the creative and destructive force of the Sun Rays.

The sacred name of this God is considered as a "well tuned and harmonized name" evidencing the link with Music. Of course Music has to be intented here as the Universal and Cosmic harmonized sound rather than the common expression of music. This Music, this sound, in fact results from the Universe's movement and action. Apollo provides the Universe with order and "measure" cancelling any dissonance. He is placed in the Center as an "orchestra leader" coordinating the Cosmic Music and acting as a Balance Point, the equilibrium. According to the Chaldea Order, Apollo is placed in the balance point among the nine spheres: these spheres dance in harmony around the Sun. The harmonia mundi results from the totality of the sounds and singing deriving from all these spheres (universitas sonorum) within the whole Cosmic structure of the Universe.
 
Just note, taking into consideration the reflections made above, the peculiar role music, within this sacred perspective, had in the past as critical component of the Sacred Science and Knowledge directly integrated, interconnected and linked to philosophy, astronomy, maths and geometry.
 
Apollo is surrounded by the Muses "singing for him", by the seven planets and the fixed sphere. The Muses are the divine expression of the Thought's Action: they are the Universe's singing activity. Apollo and the Muses are those forces directing the Universe (Apollon Musagète - directing the Muses). He is the Muses' unifying element, Lord of the Total Harmony,  a force connecting different elements at the base of this Cosmic Harmony.

Apollo has the power to render "the entire intellectual substance an unity because he joins the extremes in an unique and identical reality" (Emperor Julian, Hymn to King Helios, 22)

His rays show a dancing pace, they are pure, they provide force and energy to the "links": not accidentally, with his rays the Vestals ignited the Sacred Fire of Vesta (Apollo provides Vesta with Energy - The Solar-Cosmic Force ignites the "Links"- the "Relations" between elements which otherwise are sterile).

As already mentioned, his sacred plant is the laurel because this plant is "full of fire" being capable to keep the negative daemons away. Furthermore, Tradition indicates that the laurel is a "loquacious plant when burning" evidencing the prophetic power expressed by Apollo. Pythis in Delphi held a branch of laurel in a hand, chewing the laurel leaves and inhaling the smoke from the burning leaves.  A crakling laurel manifests the Apollo's oracle power who gives oracles near this plant. 

The laurel is also an important plant in Theurgy, for purification and curative practices. 

Apollo has the power to remove Evil, in a very broad sense: Asclepius is the Apollo representation as The Medicine. In this case, he has a stick, symbolizing the axis, the support for men and women against the deseases, around which a snake is clung as symbol of body and soul salvation. Being connected to the Sun Rays, Apollo relieves from deseases, purifies the body and restores harmony to the body. A physical or a psychic desease is symptom of a "dis-order", "disgregation", "dis-harmony". The heat of the Sun Rays restores the "equilibrium", the "balance". Apollo is a curative force not only in physical terms because he restores balance to the soul conveying the Rays coming from the Inner Sun.

Everyone of us has inside his/her deeper substance a matter deriving from the Cosmic energy, the energy of the Sun and the other stars. Even Science has confirmed that we are made of Cosmic Matter: we are made of Light. In our rational part a Sun Ray shines thanks to Apollo. If we will be capable to understand and codify the "Apollo's Message", we have the possibility to take part of the "Knowledge" becoming Solar Women and Men or Perfect Women and Men, thus igniting this Sun Ray hidden inside us and turning on this Light inside us. The so-called common people are just purely and solely rational individuals who however still "ignore": there is no light inside them.

 I have just cited few minimal, superficial and brief considerations. Nonetheless, on the base of this, can we define these issues as a component of a Religion according to a profane, devotional sense? Maybe we are dealing with something more complex and deeper...

giovedì 11 giugno 2015

Iuno: the Binding and Unbinding Goddess

In my previous post I have mentioned the difference between Juno and other Divine Forces as Vesta or Diana. One of the main characteristics of Juno is to be a force that binds: in this way, she firstly represents the sacralization of the bonds deriving from the marriage, which  is a link. Thus Juno differs from Vesta: the latter is a centripetal force, directing towards the center. Similarly, Juno is the opposite of Diana being a force without constraints - a virgo - without ties: Diana is the Quicksilver.

Being the binding/unbinding Goddess, Juno has complex implications related to the symbolism of knots, rings and necklaces that in Rome, as in all the  traditional societies and cultures, had an important symbolic value. It is important to remind that in the past the idea of "decoration" had a peculiar meaning and value: today "decoration" is just synonym of superficial appearance but in the past these decorations had actually a precise symbolic, functional and instrumental meaning and value to communicate and convey a sense anyhow. And this can be found in architecture as well as in clothing or food.

This is therefore a complex topic about which I will try here to briefly mention some aspects. 

In the Latin the verb iungere (note the link with the word Iuno) means:

  • join, tie, tie tightly, join together, forming a union
  • marry, join in marriage
  •  join with ties of kinship, friendship or tighten an alliance
Marriage is the characteristic and most common bond of the symbology of Juno: it was symbolized as strings with knots. Also a string with knots was used as protection of Juno in the moment of birth.

The bond has a religious, initiation, magic, symbolic, sacred meaning and value. Juno, with the power of binding, detains in particular a magical-religious sovereignty. Sovereignty itself appears as a the result of certain kinds of link. All powers depends on form of bonds and in particular those of Juno are the law, justice, authority, prestige. In the male polarity (Jupiter) we find this same issue highlighted by the bond of the oath.

Juno is a not a simple generating or nurturing Mother Goddess (as Ceres): she is a Matron - in the most Roman meaning of the term - who binds or loosens the constraints in the broadest sense. Juno can lock or unlock, hold or release with positive or negative implications. In short - as tradition tells us - she can do everything. The Authority of Juno is therefore expressed by the fact to be the sacralization of a Divine presence over ambivalent control elements as ties, bonds or nodes which, without this presence, would be out of control, leading then the Universe, Nature, to Chaos. All the forces are unravelled through control points. This takes place in all the dimensions of the Being: in the micro as well as in the macro dimension. The human body - and likewise the spirit in the psychological dimension - is articulated through these points regulated by nodes  that can be opened or closed.

Knots, rings and necklaces are hence symbolic tools of control of these points to control the flowing of energy. I will discuss this topic, and its symbolism, in an another occasion.

Juno puts constraints and can remove these constraints. The links ​​sacred to Juno, as mentioned, may be ambivalent. According to tradition they may be:
a) positive, as in the case of the marriage, bonds of kinship, alliances. They may be constraints that symbolically can defend against disease and negativity, bringing healing
b) negative capable to block, impede the flowing of energy, carrying diseases and negativity

To the action of binding is then related a force that can have a positive, beneficial, protective direction or negative, evil, aggressive direction.

In these aspects in particular it emerges essentially the magical symbology of the ties of Juno. However it is important to remind the most spiritual and initiating (and most difficult to describe) power of binding and loosing of Juno: just think of the fact that life is symbolically represented as a string. The Cosmos itself is described as a large canvas, supported by a large plot woven knots. where all beings are con-nected (cum and nexus). Everything is included in this "fabric" and Juno controls the bonds existing between the wires of this cosmic web. Also bonds, links, knots refer to the idea of initiatory death and rebirth, another complex issue to be discussed in another occasion.

Giunone: la Dea che Lega e che Scioglie

In un mio post precedente ho sollevato la differenza fra Giunone ed altre Forze Divine come Vesta o Diana. Una delle caratteristiche principali di Giunone è di essere una Forza che lega: in questo senso si manifesta immediatamente come sacralizzazione del vincolo del matrimonio che di fatto è una forma di legame. In tal modo Giunone si differenzia da Vesta: quest'ultima è una Forza centripeta, che dirige verso il Centro. Giunone poi è all'opposto di Diana che è una Forza dirompente senza vincoli - una virgo - senza legami: Diana è l'Argento Vivo.

Il fatto di essere la Dea dei Legami pone Giunone in una posizione complessa poichè si connette alla simbologia dei nodi, degli anelli e delle collane che a Roma, come in tutte le società e culture tradizionali, avevano un valore simbolico rilevante. A tale proposito ricordo che anticamente non esisteva un'idea di decorazione fine a sè stessa: qualunque elemento, sia pur esso con un aspetto superficialmente decorativo, aveva in realtà una funzione simbolica strumentale ben precisa tale da comunicare e veicolare comunque un senso.  E ciò avveniva nell'architettura come nell'abbigliamento o nell'alimentazione.

Si tratta pertanto di un argomento complicato che proverò ad accennare in questa sede in modo superficiale. Ciascuno poi è libero di approfondire il tema come meglio crede.

In Latino il verbo iungere  (da cui si nota il nesso con la parola Iuno) significa:

  • congiungere, vincolare, legare strettamente, unire insieme
    formare con un'unione
  • sposare, congiungere in matrimonio, sposarsi, unirsi in matrimonio
    unire con vincoli di parentela, stringere un'amicizia o un patto di alleanza
Il matrimonio è la forma di legame più caratteristica della simbologia di Giunone: esso era simbolizzato da spaghi con dei nodi. Inoltre si ricorreva ad uno spago con dei nodi come protezione di Giunone nel momento del parto.

Il legame ha una valenza religiosa, iniziatica, magica, simbolica sacrale. Giunone, con il suo potere di legare, rappresenta in particolare una sovranità magica-religiosa. La sovranità stessa si manifesta come un legame. Tutti i poteri si collegano ad una forma di legame ed in particolare quelli di Giunone sono i legami della legge, giustizia, dell'autorità, del prestigio. Nella polarità maschile (Giove) troviamo questo stesso aspetto evidenziato dal legame del giuramento.

Giunone non è una Dea Madre che genera o che nutre, non è come Cerere: è una Matrona - nel senso più Romano del termine - che vincola o che scioglie i vincoli nel senso più ampio possible. Giunone può bloccare o sbloccare, trattenere o liberare in senso positivo o negativo. In breve - come ci tramanda la tradizione - può tutto. L'Autorità di Giunone si esprime quindi nel fatto di essere la sacralizzazione della presenza Divina su elementi di controllo ambivalenti come i legami, i vincoli o i nodi i quali, senza tale presenza, sarebbero fuori controllo, conducendo quindi l'Universo, la Natura, al Caos. Tutte le forze si "snodano" attraverso dei punti di controllo. Ciò avviene in tutte le dimensioni dell'Essere: nella dimensione micro così come nella dimensione macro. Lo stesso corpo umano - e similarmente il suo spirito nella dimensione psichica - si articola attraverso questi punti regolati da nodi, da vincoli, che possono essere aperti o chiusi.

Nodi, anelli e collane sono quindi strumenti simbolici di controllo di questi punti ove viene regolato il fluire dell'energia. Questo argomento, e la sua simbologia, lo tratterò in un altro momento

Giunone pone dei vincoli e può liberare dai vincoli.  I legami sacralizzati da Giunone sono, come detto, ambivalenti. Secondo la tradizione essi possono essere:
a) positivi, come nel caso del legame matrimoniale, delle parentele, delle alleanze. Possono essere vincoli che simbolicamente possono difendere dalle malattie e dalla negatività, portano guarigione
b) negativi che bloccano, impediscono il fluire dell'energia, portano malattie e negatività

All'azione del legare viene quindi attribuita una Forza che può avere tuttavia un verso positivo, benefico, protettivo oppure negativo, malefico, aggressivo.

In questi aspetti emerge in particolare l'aspetto più prettamente magico della simbologia dei legami di Giunone. Tuttavia non bisogna dimenticare aspetti più spirituali ed iniziatici del potere di legare e sciogliere di Giunone: basta pensare al fatto che simbolicamente la vita viene rappresentata come un filo. Lo stesso Cosmo viene descritto come una grande tela, una grande trama intessuta sostenuta da nodi. in cui tutti gli esseri sono col-legati. Tutto è inserito in questo "tessuto" e Giunone controlla i legami che si creano fra i fili di questa trama cosmica. Inoltre vincoli, legami, nodi rimandano all'idea iniziatica di morte e rinascita.

mercoledì 3 giugno 2015

June - Juno

This month is entirely devoted to the sacralization of the universal feminine polarity manifesting  her force both in microcosm and in macrocosm. We call "female polarity" that centripetal, coagulating, generating, creating force permeating everything in opposition to that polarity we call "male polarity" being a centrifugal, dissolving, disgregating force.
 
Each individual has both polarities: the perfect being, the Androgyne Rebis, can show simoultaneously these two forces.
 
For this reason June is therefore a feminine month by definition during which this energy, pertaining both men and women, is celebrated. In a more profane sense, June is essentially dedicated to women. 

June receives his name from the feminine force named Juno in particular a great Goddess representing the sacralization of the feminine being, the Jupiter's feminine polarity with who she shares the simbology of authority, preminence, majesty, heights.
 
(It is interesting to note the relevant difference between Juno and other feminine forces such as Ceres, Diana or Vesta. I will discuss some more complex aspects related to Juno in a specific post)

Juno represents marriage, fertility, birth and motherhood. Her sacred ministress, the flaminica - the flamen Dialis' wife (Jupiter Minister) every first day of the month, sacrificed to Juno a white heifer to ask protection for women.
Sacred animals for Juno are: goose and crow.
The sacred tree of Juno is the oak.
 
Examples of Juno's Indigitamenta:
  • Juno Fluonia - sacralization of menstruation
  • Juno Domiduca - sacralization of the movement of the young wife to her new house
  • Juno Cinxia - sacralization of the opening of the young wife belt after the marriage
  • Juno Juga e Iunxia - sacralization of wedding
  • Juno Lucina - sacralization of birth
Juno is also the feminine polarization of the Genius. Every man has his own Genius or his spiritual and invisible essence keeping the material part alive. In the same way every woman has her own Juno.
Juno and Genius give to individuals suggestions and advices, force, energy and determine individual attitude. At every birthday men and women celebrate their respective Genius or Juno.

Giugno - Giunone

Questo mese è interamente dedicato alla sacralizzazione della polarità femminile dell'Universo che si manifesta nel macrocosmo e nel microcosmo. Chiamiamo "polarità femminile" quella forza centripeta, coagulante, generativa, creativa presente in tutte le cose in opposizione alla polarità che chiamiamo  "maschile" che è centrifuga, dissolvitrice, disgragatrice. Ogni individuo possiede dentro di sè queste due polarità che sono due espressioni del medesimo processo: l'essere perfetto, il Rebis androgino, è capace di evidenziare contemporaneamente queste due forze.

Per questo motivo Giugno è quindi un mese femminile in cui si celebra questa energia presente anche negli uomini e nelle donne. In senso maggiormente profano Giugno è principalmente dedicato alle donne.
 
Giugno trae il suo nome dalla Juno con riferimento in particolare alla Dea Giunone che rappresenta la sacralizzazione dell'essere femminile, polarità femminile di Giove con cui condivide la simbologia legata all'autorità, alla sommità.
 
(da notare quanto profondamente Giunone differisca da altre espressioni della forza femminile in particolare Cerere, Vesta e Diana: mi riservo di riflettere su aspetti più profondi della manifestazione Divina e Spirituale di Giunone in uno specifico post)

Giunone rappresenta il matrimonio, la fecondità, il parto e la maternità. La sua sacerdotessa, la flaminica moglie del flamen Dialis (di Giove) ogni primo giorno del mese sacrificava una giovenca bianca per invocare la protezione su tutte le donne.

Animali sacri a Giunone sono: l'oca e la cornacchia.
L'albero sacro di Giunone è la quercia
Esempi di indigitamenta di Giunone:
  • Juno Fluonia - sacralizzazione del ciclo mestruale
  • Juno Domiduca - sacralizzazione del trasferimento della sposa nella nuova casa
  • Juno Cinxia - sacralizzazione dello scioglimento della cintura della sposa il giorno delle nozze
  • Juno Juga e Iunxia - sacralizzazione del matrimonio
  • Juno Lucina - sacralizzazione del parto

Giunone (Juno) è il femminile di Genius. Ogni uomo ha il suo Genius ovvero il suo doppio spirituale ed invisibile che tiene in vita la parte materiale. Allo stesso modo, ogni donna ha la sua Juno.

Juno e Genius consigliano, determinano il carattere,
danno forza. Ad ogni compleanno gli uomini e le donne ricordano e festeggiano il rispettivo Genius o Juno.

venerdì 22 maggio 2015

History repeating



"(...) These men dressed in black, who eat like elephants, who tire out, because of the abundance of the cups they guzzle, those who serve them to drink: they, who hide these excesses under a pallor which they procure artificially (... ), run against all the holy places screaming and carrying wood, stone and iron. And the ones who have no tools, make use of the hands and feet. Then the roofs are pulled down, the walls crashed, pulled down the statues, altars overturned , the priests must be silent or die. Destroyed a building, they run to a second and then to a third and the trophies are added to the trophies against all laws.



All these violence are made in the cities but especially in the villages. These men in large numbers attack everywhere. After causing much damage separately, they meet each other and tell their feats to each other: they consider a shame not to have committed the most outrageous injustice. They go to the assault of the villages as streams ravaging the fields, the houses of innocent: blinding, tearing down and killing.



(...) They say they are fighting in the name of their god, in the name of their faith, but this war is only a way to take enormous richness, to steal the money of the distressed. They live thanks to the evil caused to others.



These are men who do not hesitate at nothing. The destruction they make is the result of their greed, their violence and fury.





Here's an example. In the city of Berea there was a bronze of Asclepius, a statue in which art imitated maximally nature. It was so beautiful that anyone who saw her once wanted to go back to see her again. This statue, this work of art, this masterpiece, created with great effort, the work of an illustrious genius, by Phidias, was torn apart and destroyed. Many hands have divided the work of Phidias. Why? "


Libanius "In Defense of the Temples"