Quando in un bosco ne percepisci la bellezza e diventi tutt'uno con il bosco, allora, intuitivamente, sei in armonia e in pace con le Dee e con gli Dei. Essi sono parte della nostra vera natura, la nostra Natura Profonda, e quando siamo separati dalla nostra vera natura, viviamo nella paura. Percepire questa normalità vuol dire dare un senso reale al vivere che è insito in tutte le cose.

Intraprendere la Via Romana al Divino significa iniziare un percorso di risveglio: praticando l'attenzione e la consapevolezza continua ci incamminiamo lungo una strada sapendo che ciò che conta è il cammino per sè più che la destinazione.

When you, entering a forest, perceive the beauty of the forest and you feel to be in a complete harmony with it, then, intuitively, you are in peace with the Deities. They are an essential part of our real nature, our Deep Nature, and when we are separated by our real nature we live in the fear. Perceiving such normality means giving a real sense to our lives.

Undertaking the Roman Via to the Deities implies a path to awakening: with the practice of continuing consciousness and awareness we undertake our walking knowing that taking the path is more important than the destination itself
.

mercoledì 27 gennaio 2016

Stupidity and Ignorance

Stupidity and ignorance always are bound together. When one does not understand the value and the meaning of the reality, surely he/she will make very stupid actions.

Hiding a statue just because it may offend the decency of someone is a stupid decision driven by ignorance.  The recent case of the cover over the Capitoline Venus, a solution precisely adopted to defend the decency of a foreign guest officially visiting Rome, offers a clear example of the micidial mix between stupidity and ignorance.


First of all, ignorance has convinced someone that a masterpiece may be considered as a pornographic image. The statue of Venus is therfore "pornography", a pornography which can be accepted in certain circumstances but not in others. Who took this decision has not seen then the masterpeice per se, but only an obscene work.

But things are even worse. As I wrote in a specific post , the nudity of Venus (because this is what we are talking about) has nothing to do with obscenity or sexuality in a profane sense. Those who have minimal knowledge of the Traditional Roman Spirituality, clearly know the complex symbolism that is described by the nudity of Venus. Again ignorance played a bad joke thus driving someone to take a stupid decision.

Of course I do not pretend that certain things are well known to all. The awareness of the value and meaning of art, this is what one should at least expect.

Many are therefore rather offended and outraged for this.  
I would just say that only one person should fell really offended for this foolish decision, that is the foreign guest who has been considered like a fool ignorant unable to recognize and evaluate, in a serene and mature way, the meaning of a work of art. Moreover this man could have maybe some knowledge about ancient symbology... 

As a cultor, I'm rather satisfied of this farce because I can note that the Traditional Ancient Spirituality, through its expressions, is still a very powerful force, still capable to seriously generate worries and concerns in the minds of the "monotheists", who, in occasions like this , prove again and again their ignorance, stupidity and structural inclination to profanity and the cultural and psychological immaturity.

A statue of a great Goddess, as Venus, is still capable of disturbing: in this lies her power. Her presence still worries, likewise centuries ago when zealous Christians run everywhere to destroy temples and statues (by the way like in Palmyra today).

Any further comment is superfluous.

Stupidità ed Ignoranza

La stupidità e l'ignoranza viaggiano sempre insieme. Quando non si capisce il valore ed il significato delle cose si finisce con il fare delle azioni veramente stupide.

Nascondere una statua perchè può offendere il senso del pudore di qualcuno è un gesto stupido mosso da ignoranza. Nel caso della recente copertura della Venere Capitolina, gesto adottato proprio per difendere il senso del pudore di un ospite straniero, abbiamo avuto una bella commistione fra stupidità ed ignoranza.


L'ignoranza ha in primo luogo convinto qualcuno che un'opera d'arte possa essere considerata alla stregua di un'immagine pornografica. La statua di Venere è quindi "pornografia", una pornografia che magari può essere accettata in certe condizioni, ma non in altre. Chi ha preso questo decisione non ha visto quindi l'opera d'arte, ma solo un manufatto osceno.

Ma c'è di peggio. Come ho avuto modo di scrivere in uno specifico post, la nudità di Venere (perchè è di questo che stiamo parlando) non ha nulla a che vedere con l'oscenità o la sessualità in senso profano. Chi ha una conoscenza minima della Spiritualità Tradizionale Romana, conosce perfettamente la complessa simbologia che viene descritta dalla nudità di Venere. Anche in questo caso l'ignoranza ha giocato un brutto scherzo tale da spingere qualcuno a prendere una decisione stupida.

E' evidente che non pretendo che certe cose siano a conoscenza di tutti, ma almeno avere una consapevolezza del valore e del significato dell'arte, questo penso che sia il minimo che si possa pretendere. 

Molti si sono quindi offesi e indignati. Direi che l'unico che si sarebbe dovuto realmente offendere avrebbe dovuto essere l'ospite straniero il quale è stato trattato come uno sciocco ignorante incapace di riconoscere e valutare in modo sereno e maturo il significato di un'opera d'arte: non è da escludere che il personaggio in questione abbia anche qualche conoscenza sulla simbologia antica. Chi può dirlo?

La cosa invece che mi dà una certa soddisfazione è invece notare come la Spiritualità Tradizionale Antica, attraverso le sue espressioni, sia ancora una forza molto potente, tale da creare notevoli preoccupazioni ed inquietudini nelle menti dei "monoteisti", che, con occasioni come questa, non mancano mai di dimostrare la loro ignoranza, stupidità ed inclinazione strutturale alla profanità ed alla immaturità culturale e psicologica . 

Una statua di una grande Dea, quale è Venere, è ancor oggi capace di turbare: in questo si cela la sua potenza. La sua presenza infastidisce, oggi come qualche secolo fa quando i cristiani zelanti correvano ovunque a distruggere templi e statue (un po' come a Palmira oggi del resto).

Ogni ulteriore commento è superfluo.





mercoledì 13 gennaio 2016

The willow

Role and value of the plants and trees in the Traditional Roman Spirituality are surely well known: the fig tree, the vine, oak, fir, cypress, etc ...

There are some trees having an equally important role, but perhaps less highlighted, as in the case of the willow.

It is important to say and remark that, when discussing about value and role of trees and plants (especially in an Arval sense), I want to highlight their symbolic role and value as natural expressions of specific divine forces and energies. This does not involve a reduction of this symbology into a "naturalistic" dimension, but rather the possibility to understand the Nature, the World, the Universe, as manifestations of reality much more complex than those deriving from the mere "phenomenal" perspective. 
 
We can therefore look at the Nature as a "Book" whose reading requires the knowledge of an alphabet and a syntax. Trees and plants, as sacred expressions, are therefore an integral part of this alphabet and syntax: their symbolic knowledge allows us to read and understand this "book" of the Nature according to a vision and a point of view very different from the sole perspective of science.

This is a way also to give the proper dignity and respect to the trees as foundamental expressions of the Nature: they are not objects or "accessories" of the landscape, but the critical elements with their own individuality and their specificity.

That said, I come back to make brief remarks about the willow. This plant (vimen in Latin) was so important that a hill in Rome (Viminalis) was entirely covered with willows and this tree remains symbolically linked to this Hill in the sacred geography of Rome.

The willow is a tree strictly connected to the Moon (feminine polarity): it is important to remind that to say all the trees are expressions of the Sacred Feminine Force. In the Hortus Arvalis the willow is in fact in the flowerbed dedicated to the Moon.

Moreover, the willow also has connections with the underworld in particular Proserpina: for this aspect is considered an  infelix tree.

Being an infelix and "Lunar" tree,  the willow is a very complex tree in symbolic terms: this symbolism, with the advent of monotheism, was completely upset and misunderstood. Due to this complexity, I'll make just few brief considerations. 

The willow tree is considered symbolically situated "between life and death": touching the leaves of the willow tree symbolically represents a form of contact with the underworld forces in particular with Proserpina. A willow wood is therefore a sanctuary dedicated to this Goddess and the Moon.

The willow is also connected to the water as expression of the feminine generating force.

The image of the wicker basket floating on the water (the feminine principle of life) is common to many traditions to highlight the role of this plant to act as a "vehicle" between life and death.

This position between these two worlds could explain the invocation of Jupiter Elicius (Helike = willow in greek) made by the gladiators before fighting in the arena.

In the symbolism of the hand, the willow is located on the tip of the ring finger (called wand of willow): it has power of divination. This magical and divination power Willow explains why Jupiter Elicius was invoked also during the rites of the Evocatio to discover the secret names of the Gods and Goddesses of the enemies.

Being the Dryad the spirit (nymph) of the oak, being melia the nymph of the ash, Heliconia is the nymph of the willow.

The brooms the Vestals used for their purification rites presented ropes wicker because related to the Moon.

From the willow cortex, in the past doctors produced healing extracts to lower fewers and fight pain and headaches. Today salicylic acid is extracted from the willow to produce aspirin.

Symbolically the mandrake grew at the foot of the willow.

The links connecting the willow with the Moon, the Underworld, the Feminine Force, transformed this tree during the Christian Middle Age this tree in an Evil tree (like in the case of the walnut tree sacred to Juno) used by the witches for their spells or magic wands. According to some writers the English words witch and wicked derive from wicker (willow). In addition, the brooms of the Vestals, with the wicker strings, became the evil witches brooms, with the same wicker strings. The symbolic link between the mandrake and willow contributed to amplify the connections between this tree, the witches and the devil.
The plant was then charged with negative, funeral, witchcraft and satanic values also because the healers (they were mostly women with a great knowledge of the antique medicine and the secrets of the herbs and plants) used extracts from the willow frequently to prepare their remedies. 
 
This was enough to push the willow and the women healers in the dimension of the Evil.

Il Salice

E' arcinoto il ruolo ed il valore delle piante e degli alberi nella Spiritualità Tradizionale Romana: il fico, la vite, la quercia, l'abete, il cipresso, ecc...

Vi sono alcuni alberi che ricoprono un ruolo altrettanto importante, ma forse meno messo in evidenza come nel caso del Salice.

E' importante premettere e ripetere che, nel parlare del valore e del ruolo degli alberi e delle piante (soprattutto in senso Arvalico), intendo sottolineare il loro ruolo e valore simbolico in quanto espressioni naturali di precise forze ed energie divine. Questo non significa ridurre tale simbologia ad una dimensione "naturalistica", quanto comprendere che la Natura, il Mondo, l'Universo, appaiono come manifestazioni di realtà molto più complesse di quelle che emergono dalla mera prospettiva "fenomenica". Si tratta insomma di vedere la Natura come un "Libro" la cui lettura presuppone la conoscenza di un alfabeto e di una sintassi. Alberi e piante, in quanto espressioni sacre, sono quindi parte integrante di questo alfabeto e di questa sintassi: la loro conoscenza simbolica ci permette quindi di iniziare a leggere e a comprendere questo "libro" della Natura secondo una visione ed una prospettiva diversa dalla sola visione scientifica. 

In tal modo inoltre è possibile rendere quella dignità e quel rispetto che gli alberi meritano come espressioni fondamentali del mondo: non sono degli oggetti o degli accessori del paesaggio, ma elementi fondamentali dotati di una loro individualità ed una loro specificità.

Detto questo, torno a fare delle brevi considerazioni sul Salice. Questa pianta (Vimen in Latino) era talmente importante che un colle di Roma (Viminalis) era interamente ricoperto di Salici e a questo albero quello Colle è sempre rimasto legato anche simbolicamente nella geografia sacra dell'Urbe.

Il Salice è una albero strettamente connesso alla Luna (polarità femminile): è importante ricordere che tutti gli alberi sono espressioni della Forza Sacra Femminile. Nel Giardino Arvalico il salice si trova infatti nell'aiuola della Luna.

Inoltre il Salice presenta connessioni anche con il mondo sotterraneo in particolare con Proserpina: per questo questo aspetto viene considerato un albero infelix.

L'essere un albero Lunare ed infelix rendono il Salice una pianta simbolicamente molto complessa: questa simbologia, con l'avvento del monoteismo, è stata completamente sconvolta e fraintesa e per questo posso fare solo quindi delle considerazioni superficiali.

Il Salice è considerato un albero posto fra la vita e la morte: toccare le foglie del salice simbolicamente rappresenta una forma di contatto con le forze infere in particolare Proserpina. Un bosco di salici è quindi un santuario consacrato a questa Dea e alla Luna. 

Il salice inoltre è connesso all'acqua come espressione della forza generatrice femminile

L'immagine della cesta di Vimini che galleggia sulle acque (principio femminile vitale) è comune a tante tradizioni per evidenziare proprio la capacità di questa pianta di collocarsi come "veicolo" fra la vita e la morte.

Questa collocazione fra questi due mondi potrebbe spiegare l'invocazione a Jupiter Elicius (helike=salice in greco) che facevano i gladiatori prima dei combattimenti.

Nella simbologia della mano, il salice si trova sulla punta dell'anulare (detta bacchetta di salice) e ha forza divinatoria. questo potere magico e divinatorio del salice spiega perchè Jupiter Elicius veniva invocato durante i riti dell'evocatio per scoprire i nomi segreti degli Dei e delle Dee dei nemici.

Come quindi la driade è lo spirito (ninfa) della quercia, la melia del frassino, l'eliconia è la ninfa del salice.

Le scope che le Vestali usavano per i loro riti di purificazione presentavano delle corde di vimini perchè connesse alla Luna.

Dalla corteccia del salice, i medici usavano estratti a fini curativi per abbassare la febbre e combattere i dolori ed il mal di testa. Dal salice si estrae oggi l'acido salicilico per produrre l'aspirina.

Simbolicamente la mandragola cresceva ai piedi del salice.

Il legame del Salice con le forze Infere, Femminili e con Luna, trasformò nel medioevo cristiano questo albero in una pianta malefica usata dalle streghe per i loro incantesimi o per farci bacchette magiche. Si dice che le parole inglesi witch (strega) e wicked (malvagio) derivino da wicker (vimine, salice). Inoltre le scope delle Vestali, con le corde di vimini, sono diventate le scope malefiche delle streghe, sempre con le loro corde di vimini. Il legame simbolico fra la mandragola ed il salice ha contribuito a rendere questo albero una pianta legata in qualche modo alle streghe.
 
La pianta è stata quindi caricata di valori negativi, funerei, stregoneschi e satanici (come nel caso del noce, albero sacro a Giunone) anche perchè le curatrici (erano infatti soprattutto donne che si dedicavano alla medicina con i rimedi antichi con la conoscenza dei segreti delle piante e delle erbe) lo usavano frequentemente per preparare i loro rimedi. E' bastato tutto questo per trascinare il salice e le guaritrici nella dimensione della stregoneria.


lunedì 14 dicembre 2015

December - Saturn

December derives its name from the fact to be the 10th month in the ancient calendar which begins on March. 
 
December represents the "depth", the origins, the Antique and Primordial Time: the beginning of Time. This is a very particular month focused essentially on the festivities and rites of Saturnalia and Divalia (dec. 21st). If Janus represents the beginning, Saturn (to which December is dedicated) represents the "end".

During December Nature turns her energies back to Earth: a cycle ends as precondition for the opening of the next one. This is a period of Death, not in a profane sense, praparing a re-generation time. The Ianua Coeli open in December.
 
Main festivities are:
  • 1 december - Bona Dea
  • 5 december - Faunalia
  • 10 december - Janus' Agonalia
  • 15 december- Consualia
  • 17 december- Opalia
  • 18 - 22 december- Saturnalia
  • 21 december- Divalia
  • 25 december- Sol Invictus

As already mentioned, the entire month of December is completely inspired by Saturn, an extremely complex Divine Force. According to Macrobius, great mysteries were hidden in the Saturnalia rites.
 
Saturn is a titanic divine force deriving from the union between the Sky and the Earth in symbolic, hermetic and esoteric meanings.
In this meaning (and only in this not-profane meaning) Saturn is "the Ancient God", he symbolizes a primordial state, the Saturnia Regna - the Golden Age/Satya-yuga - the beginning of the Sacred Time. With Saturn, the vital energy of the Earth ceases to be linked to Chaos.

Saturn is evirated (separation from power) and chased away by Jupiter. For this reason Saturn hid himeself in Latium and then he disappeared from the Earth. With Jupiter the Age of Silver begins followed by the Age of Bronze and then Iron.
 
Saturn is at the base of the Roman Tradictional doctrine of the "Cycles": he represents the Cyclical Death presupposing the beginning of a new cycle. Being hidden in Latium, the Traditional Roman Religion directly derives from the primordial traditional wisdom and knowledge of the Golden Age.

Saturn is the guardian of the secrets of Agriculture (Sator - he cultivating) and navigation (in esoteric sense): he is a Divine Force connected to the "Depth", the Underworld.

All the altars are sacred to Saturn. The ara in the past was just an ara graminacea or a clod of grass and Saturn represents also the primordial fire. During the Saturnalia candles were lit dedicated to the Superior Saturnali to be placed upon the altars.

According to a hermetic perspective, Saturn is symbolized by Lead (Reverse Gold) as expression of the "Matter". Lead and Gold are both generated by the same Force of Saturn. He brings a sickle as symbol of Dissolution and a compasses as symbol of Coagulation.

From Saturn the spyral initiation process begins: for this reason it is considered the most important step because representing the "primordial matter" without any form of derivation.
 

This explains the sentence: "find the hidden Gold in Saturn". This may explain also the reason why the treasury of the Roman State was placed in the Temple of Saturn. 

Orphic Hymn to Kronos/Saturn (offering incense)

Etherial father, mighty Titan, hear,
Great fire of Gods and men, whom all revere:
Endu'd with various council, pure and strong,
To whom perfection and decrease belong.
Consum'd by thee all forms that hourly die,
By thee restor'd, their former place supply;
The world immense in everlasting chains,
Strong and ineffable thy pow'r contains
Father of vast eternity, divine,
O mighty Saturn, various speech is thine:
Blossom of earth and of the starry skies,
Husband of Rhea, and Prometheus wife.
Obstetric Nature, venerable root,
From which the various forms of being shoot;
No parts peculiar can thy pow'r enclose,
Diffus'd thro' all, from which the world arose,
O, best of beings, of a subtle mind,
Propitious hear to holy pray'rs inclin'd;
The sacred rites benevolent attend,
And grant a blameless life, a blessed end.

Porphiry, in Perì Agalmàton, writes that Saturn shows a lazy, slow and cold force: for this reason he is linked to the Force of Time. He is represented standing up and white haired to highlight that Time brings the Old Age.

Saturn is placed, in the circular disposition of the "Peripheral Stripe" by Nigidius Figulus, the 14th house in the last quarter of the Dii Dextri between West and North.

Jamblicus, in the "On the Egyptian Mysteries", describes Saturn as a condensation force linked to solidification and cold. Saturn is an emanation which can be both beneficial and harmful because it brings rigidity. According to the Tradition, Saturn may cause laziness, physical deformities and abnormalities, deviousness in thoughts, anger. 

Saturn Color: Black Planet: Saturn
Metal: Lead
Status:  cold - dry
Number: 6
Musical Note: E
Female Polarity: Mater Larum
Symbol: the Sickle

Arval Implications
Saturn, being a Divine Force at the base of Agriculture, is for this reason a God bringing Civilization. He is at the base of the Art of Agriculture, inspires the Relations with the Earth and how cultivating fields as principle of Civilization for a Society. 

This explains why in this period of the year dedicated to Saturn we find and feel the presence of important agricultural Forces such as Consus and Ops. In this period of the year we must be prepared for the future harvests sacralizing the "neverending nourishment" of Ops (Abundance).

Dicembre - Saturno

Dicembre deve il suo nome al fatto di essere il decimo mese dell'antico anno che iniziava a Marzo. Dicembre rappresenta la profondità, le origini, il Tempo Antico, la primordialità e l'inizio del Tempo. E' un mese molto particolare poichè il mese si incentra sui Saturnalia e sulla data del 21 dicembre (Divalia). Se Giano rappresenta "l'inizio", Saturno (a cui il mese di Dicembre è dedicato) rappresenta "la fine".
 
Nel mese di Dicembre la Natura si richiude in sè stessa, si chiude un ciclo in preparazione all'apertura di uno nuovo: è un periodo di Morte, non nel senso profano, che prepara la rigenerazione. Si aprono le Ianua Coeli.

Le festività principali sono:
  • 1 dicembre - Bona Dea
  • 5 dicembre - Faunalia
  • 10 dicembre - Agonalia di Giano
  • 15 dicembre - Consualia
  • 17 dicembre - Opalia
  • 18 - 22 dicembre - Saturnalia
  • 21 dicembre - Divalia
  • 25 dicembre - Sol Invictus 

Come già detto, l'intero mese di dicembre è fortemente permeato dall'energia divina di Saturno, una forza divina estremamente complessa. Come ricorda anche Macrobio, grandi misteri si occultavano nei riti saturnali. 
 
Saturno è forza divina titanica che deriva dall'unione Cielo e dalla Terra in senso simbolico, ermetico ed esoterico. 
In questi sensi (e solo in questi significati non profani) Saturno è "L'Antico", simboleggia la promoridalità, i Saturnia Regna - l'Età Aurea/Satya-yuga - l'inizio del Tempo Sacro. Con Saturno, l'energia vitale della Terra cessa di essere legata al Caos.
Saturno viene evirato (separazione dalla potenza) e scacciato da Giove (per questo si nascose nel Lazio e poi svanì dalla Terra) e con Giove si passa dall'Età dell'Oro all'Età dell'Argento. Oltre si succedono l'età del Bronzo e poi del Ferro. 
Saturno è alla base della dottrina tradizionale romana dei "cicli": egli rappresenta la morte ciclica che presuppone l'inizio di un nuovo ciclo. Essendosi celato nel Lazio, la Religione Tradizionale Romana è emanazione della sapienza tradizionale primordiale dell'Età dell'Oro.
Saturno è il conoscitore dei segreti dell'agricoltura (Sator - il coltivatore) e della navigazione (in senso iniziatico); è una Forza Divina connessa alla "profondità", al Mondo Sotterraneo.
 
A Saturno sono sacri tutti gli Altari. L'ara anticamente era semplicemente ara graminacea ovvero una zolla di terra e Saturno si identifica con il fuoco promordiale. Durante i Saturnali infatti si accendevano candele di cera dedicate ai "saturnali superiori" da porre sugli altari.
 
Da un punto di vista ermetico, Saturno è simboleggiato dal Piombo (Oro Inverso), come espressione della materialità dei corpi. Piombo e Oro sono prodotti dalla stessa forza di Saturno. Egli reca la Falce (dissoluzione) ed il Compasso (coagula). 
Saturno è il punto di partenza del grande iniziatico processo a spirale: per questo esso è il più importante perchè costituisce la "materia primordiale" senza alcuna forma di derivazione.
 

 Ciò spiega l'espressione: individuare l'Oro Nascosto in Saturno. Questo può anche spiegare perchè il Tesoro dello Stato Romano era conservato nel Tempio di Saturno.

Inno Orfico a Crono/Saturno (si offra incenso)
Sempre fiorente,
padre degli Dei beati e degli uomini,
dai vari espedienti, incorrotto,
di grande forza, prode Titano,
che tutto esaurisci
e al contrario tu stesso accresci
che hai legami infrangibili nel cosmo infinito,
Crono generatore assoluto dell’eternità,
Crono dal vario parlare,
germoglio di Terra e Cielo Stellato,
nascita, crescita, diminuzione,
sposo di Rea, augusto Prometeo,
che abiti in tutte le parti del cosmo,
capostipite, dai disegni tortuosi,
ottimo: ascoltando la voce supplice
manda un felice termine di vita
sempre irreprensibile.


Porfirio, nel Perì Agalmàton, scrive che Crono/Saturno presenta una forza pigra, lenta e fredda: per questo viene associato alla forza tempo: viene rappresentato in piedi e canuto per rappresentare il fatto che il tempo porta la vecchiaia.

Saturno occupa nell'articolazione circolare del "nastro periferico" di Nigidio Figulo la 14a dimora ovvero l'ultimo quarto dei Dii Dextri tra l'occidente ed il settentrione. 

Giamblico, nei Misteri Egiziani, descrive Crono/Saturno come una forza condensatrice legata alla solidificazione ed al freddo. E' una emanazione che può essere benefica ma anche malefica perchè irrigidisce.
Secondo gli Antichi, l'emanazione di Saturno può portare pigrizia, deformità nel fisico e tortuosità nel pensiero, intrattabilità e irascibilità.

Saturno
Colore: Nero
Pianeta: Saturno (il più distante dal Sole in senso ermetico)
Metallo: Piombo
Stato:  freddo - asciutto
Numero: 6
Nota Musicale: Mi
Polarità Femminile: Mater Larum
Simbolo: la Falce

Implicazioni Arvaliche
Saturno, essendo la forza divina che è alla base dell'arte dell'agricoltura, diviene per questo Dio portatore di Civiltà. Il Rapporto con la Terra e la coltivazione dei campi sono alla base del principio di civiltà di una società. Non casualmente in questo mese dedicato a Saturno percepiamo e troviamo la presenza di forze divine agricole come Conso e Ops. In questo momento dell'anno ci si prepara per i raccolti futuri e si sacralizza il "nutrimento perenne" di Ops-Abbondanza. 

venerdì 27 novembre 2015

Pillole di Saggezza Antica 17 - Tips of Ancient Wisdom 17

Ut porro firmissimum hoc adferri videtur cur deos esse credamus, quod nulla gens tam fera, nemo omnium tam sit inmanis, cuius mentem non imbuerit deorum opinio (...); omnes tamen esse vim et naturam divinam arbitrantur, nec vero id conlocutio hominum aut consessus effecit, non institutis opinio est confirmata, non legibus; omni autem in re consensio omnium gentium lex naturae putanda est (Cicero).

Certamente questo mi sembra l'argomento più sicuro per indurci a credere che gli dèi esistono, che non esiste gente tanto selvaggia, non esiste nessun uomo tanto crudele, nella cui mente non si sia infiltrata l'idea della divinità (...); tutti però credono che esista una potenza e una natura divina, e indubbiamente non sono i discorsi o le adunanze degli uomini a diffondere questa idea, né è una credenza convalidata da istituzioni e da leggi; d'altra parte, in ogni cosa il consenso di tutti i popoli deve essere ritenuto una legge di natura.

Furthermore, as this seems to be advanced as the surest basis for our belief in the existence of Gods, that there is no race so uncivilized, no one in the world, we are told, so barbarous that his mind has no inkling of a belief in gods: (...); nevertheless all men think that a divine power and divine nature exist, and that is not the result of human conference or convention, it is not belief established by regulation or by statute, but in every inquiry the unanimity of the races of the world must be regarded as a law of nature.

mercoledì 11 novembre 2015

November

November, whose name derives from the fact to be the 9th month in the ancient calendar beginning in March, represents a period of "Interiority". 
 
November is focused on the flowing of the natural energy returning back underground during winter. This period is dedicated to Infernal underworld Gods and Goddesses (Inferi) from who derives the energy for the creatures on the surface.

November is thus dedicated to Pluto (Underworld Jupiter) whose name means "extremely rich", and to Proserpina (the Girl walking like snakes). Pluto represents the deep, Proserpina the vital force nourishing life in spring.

Black animals, cypress and narcissus are sacred to Pluto. He may be invoked beating the hands on the ground.

Pomegranate tree and poppy are sacred to Proserpina who protects also funerals.

Novembre

Il mese di Novembre, così denominato perchè era il nono mese dell'anno antico che iniziava a Marzo, rappresenta il periodo dell'"Interiorità". 
 
Novembre è focalizzato sul flusso dell'Energia Vegetativa e Vitale che rientra nella Terra  durante tutto il corso dell'inverno. E' un periodo dedicato alle divinità sotterranee (Inferi) da cui deriva l'abbondanza della vita sulla superficie della Terra.

Novembre è dedicato pertanto a Plutone (Giove Infero) che significa "Ricchissimo", il "Dovizioso" e a Proserpina ("La Fanciulla che procede come i Serpenti"). 
 
Plutone rappresenta la profondità, Proserpina la forza vitale che alimenterà la vita in primavera.

A Plutone sono sacri tutti gli animali neri, il cipresso ed il narciso. Viene invocato battendo le mani per terra.

A Proserpina sono sacri il melograno ed il papavero. I funerali sono sottoposti alla sua protezione.

giovedì 22 ottobre 2015

Grapevine and Wine

The month of October, dedicated to Pomona, is a period full of farming and harvesting activities. This is the reason why Pomona and Vertumnus are the reference of this sacred moment during which the gifts that nature offers us can be harvested. Life itself is a gift that given to us by Nature, destined to return to Nature.

Among the various agricultural harvesting activities in this period, it must highlighted the grapevine harvestof. I would like therefore to spend few considerations on grapevine and wine, not in botanical or technical terms, but in the symbolic and agricultural meaning (in the most sacred of this term).

The grapevine is a plant "full" of the Dionysius-Bacchos energy: a crown of intertwined vines  is a symbol of Dionysus. Its sister plant is the 'ivy. The Grape symbolizes Abundance - in the broadest sense possible: immortality for the Gods and Goddesses, health for mortals.

The grapevine, however, is primarily the "plant of Rhea", the Great Mother, whose statues are made ​​with grapevine wood. The presence of columns made ​​of grapevine wood or spiral columns are symbols of the Great Mother Rhea, generating and feeding Goddess (Alma Mater). To the Great Mother Rhea are sacred those plants with leaves with five peaks, thus including the grapevine: these leaves symbolize the "green hand": on each toe, finger or the leaf, there is a letter, the initial the name of the five Deae Matronae, declinations of the attributes of Rhea.

The vine therefore symbolizes generation, nurturing, the immortality of the cycles of nature, the feminine energy and force of Nature. Anyone who knows this plant knows how much strength and energy may be contained in the vine. The vine ("Curved Queen") symbolizes the feminine serpentine force, unraveling like a snake around an axis. This relationship is described by the dependence of the vine from the elm (tutor).

Wine triggers the "orgiastic power," the release of the irrational and the unconscious, temporary madness, liberation from the bonds of "normality": these are elements connected to the Dionysian sphere. All the myths related to Dionysus see the symbolic presence of the vine, grapes and wine and the whole cycle of the vine and wine in turn represent the same myth of this God. The cultivation of grapes and wine production is a divine gift: the wine is not just a drink, but it is a "living creature", bubbling, fermenting, that "lives even in winter", symbolizing the blood of Dionysus, in a continuos transformation. Wine is also the blood, the lymph of the Earth's depths: this condition links wine to the underworld of the Dead.

Wine rouses the erotic sphere (Venus): in the botanical geography of the hand, the vine is located at the base of the thumb.

Wine can become a mean of communication with the Gods and Goddesses both in oracular - through the delirium caused by drunkenness - and in symbolic terms because it represents the blood, conveying the generating energy: a gift given to us we must that we must return. For this wine is a central element of libatio as fundamental form of sacrifice.

In the Hortus Arvalis, the vine, plant rich of energy, is located in the flowerbed of Mars.

La Vite ed il Vino

Il mese di ottobre, dedicato a Pomona, è un periodo ricco di attività agricole e di raccolta. Per questo Pomona e Vertumno sono il riferimento sacro di questo momento i cui si raccolgono i doni che la Natura ci offre. Se ci si pensa bene, la vita stessa è un dono che ci viene concesso dalla Natura e che ad essa è destinato a tornare.

Fra le varie attività di raccolta agricola, in questo periodo va segnalata la vendemmia: è forse utile allora spendere qualche riflessione sulla vite e sul vino ovviamente non in termini botanici o tecnici, ma simbolici e agricoli nel senso più sacro di questo termine.

La vite è una pianta "piena" della forza di Dionisio-Bacchos: una corona di tralci di vite intrecciati è simbolo di Dioniso. La sua pianta sorella è l'edera. L'Uva simboleggia l'Abbondanza - nel senso più ampio possibile: immortalità per gli Dei e le Dee, salute per i mortali.

La Vite però è prima di tutto la "pianta di Rea, la Grande Madre, i cui simulacri sono realizzati con legno di vite. La presenza di colonne fatte in legno di vite o colonne tortili sono un riferimento alla Grande Madre Rea, generatrice e nutrice (Alma Mater). Alla Grande Madre Rea sono sacre tutte le piante con foglie a cinque punte, tra cui appunto la vite, che simboleggiano la "mano": su ogni punta, o dito della foglia, è presente una lettera, l'iniziale del nome delle cinque Deae Matronae, declinazioni degli attributi di Rea.

La vite quindi simboleggia la generazione, il nutrimento, l'immortalità dei cicli della Natura, l'energia e la forza femminile della Natura. Chiunque conosce questa pianta sa bene quanta forza ed energia possa essere contenuta nella vite. La vite ("Regina Curva") simboleggia la forza serpentina femminile, che si dipana come un serpente intorno ad un asse. Questo rapporto è descritto dalla dipendenza della vite dall'olmo (tutor).

Il Vino scatena la "forza orgiastica", il liberarsi dell'irrazionale e dell'incoscio, la follia temporanea, la liberazione dai vincoli della "normalità": questi sono elementi che fanno riferimento alla sfera dionisiaca. Tutti i miti connessi a Dioniso vedono la presenza simbolica della vite, dell'uva e del vino e tutto il ciclo della vite e del vino rappresentano a loro volta lo stesso mito del Dio. La coltivazione della vite e la produzione del vino sono un dono divino: il vino non è una semplice bevanda, ma è una "creatura viva" che ribolle, che fermenta, che "vive anche in inverno", che simboleggia il sangue dionisiaco, che si trasforma. Il vino è anche il sangue, la linfa delle profondità della Terra e ciò lo lega anche al mondo dei Morti.

Il vino libera la sfera erotica (Venere): nella geografia botanica della mano, la vite si trova alla base del pollice. 

Il vino può divenire mezzo di comunicazione con gli Dei e le Dee sia oracolare tramite il delirio provocato dall'ebbrezza sia simbolico perchè rappresenta il sangue, vettore dell'energia generatrice che viene donata e che bisogna restituire. Per questo il vino è un elemento centrale della libatio, come forma fondamentale di sacrificio.

Nell'Hortus Arvale la vite, pianta piena di energia, è collocata nell'aiuola di Marte.